Era da tempo che non facevo una recensione e oggi mi sono detto, ok … rispolveriamo questo lato nascosto del blog e per farlo, in un periodo di crisi come quello che l’Italia attraversa, ho pensato di parlare di una piattaforma unica nel suo genere, grazie alla quale chiunque può mettere all’asta i propri prodotti con il sistema delle aste sociali.

Oggi vi parlerò quindi di Winnish, una piattaforma italiana che offre un servizio di compravendita online di prodotti nuovi e o usati di diverse categorie merceologiche, quali:

 

  • -Abbigliamento e accessori (comprese borse, occhiali, cinture, scarpe, ecc..)
  • -High-tech ( tv,computer, cellulari, consolle, videogames, GPS, lettori mp3, proiettori, ecc..)
  • -elettrodomestici
  • -Orologi e Gioielli
  • -Articoli sportivi
  • -Makeup e cosmetici

Fin quì sembrerebbe il classico e-commerce, quantomeno uno dei tantissimi nostrani o stranieri che stanno spopolando il web, in questi ultimi periodi. Ma non è così!

Winnish.com

Ho avuto modi di farmi quattro chiacchere con il suo ideatore Andrea Quinto per cercare di capire dove fosse il punto forte di WINNISH, che meglio sottolinearlo sin dall’inizio, non è un sistema di aste al ribasso, ne tantomeno un sistema di aste al rialzo come potrebbe essere eBay.

WINNISH.com è si una piattaforma per vendere all’asta oggetti o regali che si vogliono riciclare, ma si basa su di un sistema di aste sociali altrimenti conosciute come aste al centesimo.

Come funziona Winnish

Dopo essersi registrato, l’utente crea gratuitamente (prima differenza con eBay) una o più inserzioni decidendo per ognuna di esse il prezzo minimo che vorrebbe guadagnare sull’oggetto messo in vendita. Una volta accettata l’inserzione sarà visibile sotto forma di vetrina virtuale con tanto di descrizione dell’oggetto, specifiche tecniche, foto, stato dell’oggetto, eventuali garanzie, ecc.. L’asta a questo punto è ancora ferma, e il suo prezzo è di €0,00.

Gli utenti interessati all’oggetto in asta acquisteranno direttamente da WINNISH.com una quantità di crediti (Winpoint) che serviranno per fare le proprie puntare. Nel momento in cui il primo utente munito di Winpoint farà la prima puntata, incrementando il prezzo d’asta di €0,01, la stessa verrà ufficialmente aperta e un conto alla rovescia inizierà a scandire il tempo necessario all’utente prima che questo si aggiudichi l’oggetto. Nel momento in cui un nuovo utente farà una seconda offerta, il contatore inizierà nuovamente da zero.

Gli interessati all’oggetto possono utilizzare uno o più Winpoint (secondo i criteri stabiliti dal venditore), ma sempre nella ragione di €0,01 per ogni puntata. In altre parole, potreste avere bisogno di 3 Winpoint per fare la vostra puntata o anche solo di 1. Questo dipende dal venditore.

Nel momento in cui il conto alla rovescia arriva a zero, l’ultimo partecipante ad aver puntato si aggiudica l’oggetto al prezzo che l’asta ha raggiunto. L’utente aggiudicatario potrà a questo punto controllare gli estremi necessari ad inviare la somma di denaro.

La somma indicata è ovviamente un anticipo per il proprietario dell’inserzione, perché WINNISH.com provvederà ad accreditare al venditore un altro 85% di guadagno derivante dalla vendita dei Winpoint resisi necessari per le varie puntate fatte durante il corso dell’asta.

Logica vuole a questo punto che i venditori dovrebbero a questo punto sentirsi incoraggiati nell’utilizzare WINNISH, se non altro perché viene da se che un oggetto messo all’asta per €50, potrebbe ricevere in contropartita una somma maggiore.

Esempio

250 puntate x 0,25€ = 62,50€ guadagno del venditore
                    +  2,50€ valore finale dell'asta
                    = 65,00€ guadagno totale del venditore

Al termine di ogni transazione, acquirenti e venditori possono lasciarsi reciprocamente un commento di Feedback che saranno visibili agli altri utenti. Per incoraggiare il rilascio di Feedback verrà dato in omaggio un Winpoint ad ogni utente che avrà svolto correttamente la procedura.

Inoltre, per calmierare gli animi di quanti coloro stanno pensando che sotto ci sia la fregatura, sappiate che esiste un “prezzo di riserva” ovvero il venditore decide il prezzo minimo che vuole guadagnare, se non si arriva a quel prezzo l’asta si considera non valida e il bene non se lo aggiudica nessuno (tutti i crediti vengono restituiti a chi li ha usati).

Data di lancio e opinione sulle aste a ribasso

Al momento della stesura di quest’articolo, Winnish è in fase di prelancio; l’apertura ufficiale sarà il 18 febbraio, ma è comunque già possibile registrarsi e tra poco sarà anche possibile per i venditori pubblicare la propria asta.

Inoltre, come spesso cerco di fare, ecco una mia opinione in merito al perché WINNISH potrebbe funzionare meglio rispetto alle aste a ribasso. Ritengo che la trasparenza di quest’ultime non sia il loro punto di forza; chi vuole comprare un oggetto “al ribasso” deve presentare un’offerta unica e più bassa rispetto a quelle presentate dagli altri offerenti.

In altre parole, l’offerente deve, allo stesso tempo, riuscire a fare l’offerta più bassa ed essere l’unico ad averla lanciata… un meccanismo poco trasparente.

Non è possibile un confronto con le aste al centesimo, poiché son due cose diverse, ma credo che un conto sia puntare e sapere quanto e in che momento ho puntato ed un altro, puntare così a caso sperando che il miracolo di aggiudicarsi quella precisa asta si avveri!!

In conclusione, Winnish si è posto come obiettivo quello di stravolgere l’ormai obsoleto sistema di compravendita, perciò, che abbia inizio la guerra a colpi di Winpoint e buona fortuna ai suoi ideatori!

  • Comments Off

Notifiche multiple su wordpress

17 Jul 2012 In: Tips

In questi giorni mi sto cimentando nell’attivazione e configurazione di diversi siti wordpress. Vuoi per esigenze lavorative, vuoi per pratica, a me piace sempre scoprire cose nuove e nella fattispecie una recente esigenza era quella di ricevere i commenti dei post su piu’ indirizzi email.

Di default WordPress notifica solamente l’autore del post. Ma che succede se volete aggiungere altri destinatari, come ad esempio gli editor di un articolo o magari l’email del vostro cliente (giusto per dimostrargli che state lavorando)?

Dopo alcune ricerche, sono venuto a capo di una soluzione come questa, che sembra funzionare egregiamente.

Aggiuntegete il seguente codice al vostro file functions.php e il gioco e’ fatto.

function filter_comment_notification_headers( $message_headers )
 {
 $notify_other_people = array(
 '"Donald Duck" <donald.duck@waltdisney.come>',
 '"Uncle Scrooge" <uncle.scrooge@waltdisney.com>'
 );
 $message_headers .= "\n" .
 'CC: ' . implode(', ', $notify_other_people );
 return $message_headers;
 }
 add_filter('comment_notification_headers', 'filter_comment_notification_headers');
  • Comments Off

Quel tunnel speciale chiamato VPN

27 Oct 2011 In: Hardware e software

Una VPN e’ una rete virtuale che, sfruttando la rete Internet pubblica, unisce in modo sicuro e protetto due punti nella rete. Possono essere due punti di una rete privata piuttosto che due computer remoti che debbono per qualsivoglia ragione instaurare una comunicazione sicura.

Una volta che si ha un accesso ad una VPN, molto semplicemente si ha l’accesso alla rete posta all’altra estremità del cavo, potendo quindi accedere e condividere le risorse hardware e software presenti dall’altro capo del filo. Read the rest of this entry »

  • Comments Off

Già si vociferava da tempo di questa cosa e l’email che Microsoft mandò appena pochi giorni dopo l’acquisizione certo non si preannunciavano come un gran bel futuro per la numerazione online di Skype.

Magari un servizio sottovalutato nel nostro paese, perché le connessioni a banda larga lasciano nella stragrande maggioranza dei casi veramente a desiderare, e da qui la mancanza di questa grande richiesta.

Non ho tuttavia numeri in mano per poter dire quanto fosse (o non fosse) utilizzato il servizio, perché oltre tutto – considerate le vigenti normative – un numero VOIP italiano può essere assegnato solo ad un cittadino fisicamente residente in Italia – e ora sembrerebbe anche titolare di una utenza (Mi ricorda tanto la registrazione dei domini italiani).

Fatto sta che io per gli scorsi due anni sono stato felice possessore di uno di questi numeri che ho usato in svariate occasioni, lavorative e personali, e vi posso dire che avere un numero a dislocazione geografica è veramente comodo. Read the rest of this entry »

Qualcosa di me

Mi chiamo Andrea Moro, sono un appassionato di informatica da quando avevo 8 anni e da quando mio padre mi regalò il C64.

Qualche anno più tardi, il mio primo pc e nel 1994 la prima esperienza con Internet, di cui mi sono subito innamorato e con cui oggi mando avanti la mia attività di Web Designing e posizionamento nei motori di ricerca.

Andrea Moro's profile on LinkedIn

Profilo Facebook di Andrea Moro


Sponsors


Google Friend