Evasione fiscale? Da oggi non sei più solo!

Noi italiani ci lamentiamo spesso che le tasse siano alte e che troppi le evadano, eppure troppo spesso non facciamo nulla quando l’evasione succede proprio davanti ai nostri occhi: un commerciante non fornisce lo scontrino, un ristoratore dimentica la ricevuta fiscale, un professionista esige un prezzo maggiore per la fattura…
Subire non è tolleranza, bensì complicità nell’evasione, e nella conseguente ingiustizia fiscale che costringe alcuni a pagare più tasse per quelli che le evadono. Le conseguenze sono tasse alte, disavanzo pubblico, servizi pubblici scadenti. Lamentarsi di queste cose e poi non protestare contro l’evasione è ipocrisia!

Questo sopra è il paragrafo iniziale di un simpatico sito: Evasori.info gestito da un professore di informatica italiano che lavora (per sua fortuna e per mia invidia) all’estero.

Il sito gestisce i dati in maniera completamente autonoma, quindi non è possibile accusare nessuno, ma semplicemente costruire una mappa dei tragressori. Nelle FAQ c’è scritto tutto.

L’idea mi piace, tuttavia, voglio esprimere in parte il mio disappunto con l’autore del sito, il quale – forse – non ha tenuto in considerazione la condizione più mastodontica dell’aspetto evasione. Fintanto, infatti, che saranno i nostri primi e più illustri cittadini (definiamoli così va) a commettere sgarri di ogni genere e natura, difficilmente la situazione si potrà risolvere e riportare il paese in una condizione di equa convivenza fra tutti.
Fintanto che vi saranno discriminazioni salariali, contratti co.co.co., tasse al 56% (e forse anche più) … il fenomeno evasione difficilmente verrà combattuto.

La vera soluzione è quella adottata già da molti anni in America. La deducibilità totale delle spese dalla dichiarazione dei redditi. Gudagno 1000, ma ne spendo per me e la mia famiglia 800 per campare, pago le tasse sulla differenza netta che mi rimane. In questo modo, tutti, ma dico tutti, sarebbero incentivati a pagare le tasse e dichiararle. Lo scernere tra ciò che è deducibile e non per tutte le categorie fiscali, oltre che essere estremamente presuntuoso come concetto è anche una inutile perdita di tempo di qualche dirigente o dipendente seduto in qualoche scrivania al (credo) Ministero delle Finanze o come si chiama oggi. Soldi che potrebbero essere impiegati molto meglio altrove. Altro che Robin Hood tax o abolizione dell’ICI (che prima o poi sconteremo in qualche altro modo).

Concludo qua, perchè questo non è e non vuole essere un blog di politica o di problemi di astrazione sociale (nei quali quotidianamente anche io vivo), e anzi in ogni caso rivolgo i miei complimenti all’autore (anonimo) di Evasori.info per la brillante idea che ha avuto. Se non altro lui ci ha messo l’idea, magari adesso Tremonti ci mette lo zampino.

Technorati Tags: ,