Il Flash proprio non mi piace

Il flash, sin dai tempi di Macromedia (acquisita poi da Adobe) è sempre stata una tecnologia vista in modo abbastanza controverso. C’è a chi è piaciuta subito, a chi no, chi l’ha saputa usare e chi, invece, ne ha abusato (e tutt’oggi ne abusa).

Non si può negare che un tocco di Flash nelle pagine in certi casi è molto utile, in altri affascinante, ma al contempo non si può negare che per il download tutti siano disposti ad attendere diversi secondi (o anche minuti) affinchè il filmato – così in gergo – prenda forma sullo schermo.

Vero che ormai Internet veloce è quasi arrivato dappertutto, ma quanti sono disposti ad attendere, o soprattutto perdersi nei meandri dell’inusabilità di quei siti mal progettati?

Per carità, poi ci sono dei siti che sono a dir poco F-A-V-O-L-O-S-I ! L’ultimo che ho visto è stato quello realizzato da una società americana per conto della Renault con la quale hanno fatto un gioco in 3D per presentare la 4×4 della casa francese, ma c’è pur da dire che con un 1MBit di banda ci ho messo 5 minuti per vedere qualcosa comparire sul mio schermo.

Ora, senza voler andare a parare su lavori di grosso calibro come quello, spesso e volentieri, grafici più profani si azzardano nella creazioni di animazioni o elementi animati, abusando dello strumento, con l’inevitabile conseguenza che pure per un piccolo menù ci vogliono 30 secondi di download.

La mia esperienza in Flash risale ancora a Flash 4 per Windows, di cui ancora conservo scatola e cd originali, sono passato poi a riaverlo con la Adobe CS1 per PC e tutt’oggi me la ritrovo nella datata CS3 per Mac. Ma per dirla alla Pannello di controllo di Windows, quel software è usato raramente.

Ecco perché non realizziamo siti in Flash.

  1. La stragrande maggioranza dei visitatori non ama i siti in Flash. A supporto di questa tesi vi sono analisi di statistiche, sondaggi, ma anche semplici scambi di opinione con navigatori abituali piuttosto che casuali.
  2. I siti in Flash sono malvisti da tutti i motori di ricerca per la difficoltà ad indicizzarli. E’ vero che ultimamente Google ha migliorato il suo algoritmo, consentendo l’analisi dei file in Flash. Ma gli altri motori? Non scoridiamoci che un 34% delle ricerche viene fatto con altri motori di ricerca, e molte di queste – almeno qua in Italia – vengono fatte senza che Google sia mai chiamato in causa (circa il 6% riferito a quei motori nei motori, cioè che fanno uso dei risultati di terzi).
  3. Abuso dello strumento: flash per molto tempo ha significato animazione iniziale. Una bella splash screen o welcome page per dirla più 2.0, che tutti (in alcuni casi senza possibilità di escludere la cosa) erano costretti a sorbirsi. Oggi anche la più piccola animazione ha il pulsante skip, ma vogliamo parlare della sua utilità?
    A cosa mi serve una introduzione, con un logo in movimento, o qualche foto che entra in fading se poi la mia azienda dall’altra parte non è capace di rispondere ad una mail?
    Senza essere troppo cattivi, parliamo poi di numeri. Mediamente un sito web viene apprezzato in 10 secondi e circa 2 pagine. Se ho la mia home page in Flash, considerando una visita di 2 pagine, ho già sbriciolato il 50% di possibilità di vendere i miei servizi o prodotti al cliente, perchè lo stesso, per quanto potrà aver capito cosa faccio, non ha trovato però quello che realmente sta cercando: il prodotto (o il servizio) stesso. Per l’occasione leggete quest’altro mio post con alcuni consigli utili per la realizzazione di un sito.
  4. Necessità di un plug-in. Per vedere le pagine che contengono un file in Flash, bisogna far ricorso ad un plug-in. Ora mentre Internet Explorer se lo scarica e installa da solo, Firefox per qualche strana ragione non lo fa e bisogna procedere manualmente. Considerato che la quota di utenti Firefox sta crescendo sempre di più, ma non tutti gli utenti sono pratici con il computer, quante possibilità ci sono che il vostro contenuto non venga visto?
  5. I siti in Flash sono in genere modificabili solo da chi li ha realizzati, o comunque solo se si ha in mano il sorgente del filmato. Non è quindi raro il caso in cui si è costretti a dover ricorrere ad un sito nuovo anche solo per una modifica banale come quella del numero telefonico. Anche ammettendo poi di avere il sorgente del filmato, siete davvero così bravi da riuscire a farlo da soli? Quasi sempre bisognerà ricorrere ad una web agency, mentre con un sito statico, le probabilità di interagire da soli con il proprio sito sono notevolmente maggiori, specie se si utilizza un CMS.
  6. I siti in Flash non ottengono quasi mai la validazione dal consorzio internazionale W3C.
  7. Flash, 99% is bad” (il 99% dei siti in Flash è da buttare). Per saperne di più consulta il sito di Jakob Nielsen (da tutti ritenuto il massimo esperto mondiale di usabilità web) o leggi il suo articolo.

Tutto questo vi basta, oppure siete ancora convinti di voler utilizzare il vostro sito in Flash?

Technorati tags: , ,

4 thoughts on “Il Flash proprio non mi piace”

  1. Me lo fai un sito in flash? 😛

    Anche io come te ho usato il flash 4, quando la rete stava cominciando a popolarsi e tutti i siti web sembrava dovessero essere in flash o sarebbero stati abbandonati subito.

    Devo dire che quella è stata anche l’ultima versione che ho usato.
    Flash = male.. si insomma che senso ha far aspettare un visitatore? riempirlo di continue scene etc?
    l’utente non ha tempo da perdere, vuole tutto e subito, perchè non dargli la pappa pronta proprio come piace a lui?

    Perchè limitare la visione dei siti solo a chi ha il plugin flash?
    Insomma.. perchè complicarsi la vita con qualcosa di "vecchio"?


    Roberto

  2. [b]@ lordmarin[/b]:

    Ciao e benvenuto sul mio blog. Purtroppo quello che dici è vero, ma è anche difficile da far comprendere. Fortunatamente la tendenza è ad un uso sempre minore di flash, giusto qualche sprazzo. Ma non sempre è così.
    L’altro giorno ho beccato addirittura 4 siti uno appresso all’altro con tutto il menù in flash e nessun link di navigazione. Javascript disabilitato (quindi utente con plug-in non installato) niente menù … che farebbe l’utente in quel caso. Chiuderebbe.

    Però è difficile far comprendere ste cose.

  3. Trovo le vostre considerazioni sull’ambiente Adobe quantomeno fuori luogo. E’ vero che un sito flash male implementato porta diversi svantaggi ma è altrettanto vero che, seppur ora con HTML5 e CCS3 si possano ottenere buoni risultati, quanto è possibile realizzare con un uso sapiente di flash non è nemmeno lontanamente paragonabile.
    Pertanto, prima di dare degli out out così perentori ad una tecnologia, valutate bene tutti i pro e contro che si presentano nell’utlizzarla. Vorreste dirmi che Flash è obsoleto e “fuori dai canoni” dello sviluppo W3C compliant? Certo, se non si pensano le pagine Flash in modo che siano fruibili anche senza l’utlizzo del plugin. I motori di ricerca? Basta creare un sito “ghost” in HTML che abbia delle chiamate poi in LocalConnection all’oggetto Flash per dirgli in che scena puntarsi in funzione della ricerca effettuata. E’ difficile? Certo, cosa è facile a sto mondo? Ma state pur certi che l’utente medio, quando naviga un sito Flash fatto come si deve, non se ne accorge nemmeno della tecnologia che ci sta sotto, piuttosto si rende conto di essere entrato in un ambiente speciale, diverso dai soliti siti, e per questo se ne ricorderà. Ovvio, non farei mai il portale di TGCOM in Flash, ma sicuramente un sito di prodotto che deve emozionare e colpire l’utente si: non vedo alternativa altrettanto valida!

    Ciao e buon lavoro.

    Daniel
    Uno sviluppatore, anche Flash.

    1. Ciao Daniele,

      Grazie per il tuo commento. Le considerazioni che hai letto sono frutto di attente riflessioni e se vuoi anche di un certo trend di mercato.

      Non credo infatti che un uso massiccio di Flash, ne uno leggero – perche’ leggero non e’ affatto (specie in considerazione della latenza della connettivita’ italiana) – possano catturare l’attenzione dei clienti e siano quella valida alternativa che serve oggi ad un mercato dinamico come quello di Internet.
      Come hai citato, HTML e CSS3 forniscono decisamente migliori soluzioni. Non si potra’ probabilmente ancora realizzare tutto quanto il flash permette, ma siamo su una buona strada e la manutenibilita’ di una doppia soluzione e’ assai costosa e poco efficace dal mio punto di vista.

      Questo senza considerare tutte quelle implicazioni che il Flash puo’ avere a livello di promozione, che lo rendono assolutamente il nemico numero uno. Il Flash deve essere usato per piccole integrazioni e migliorie, non per lo sviluppo totale di un sito.

      Ma poi per carita’, ognuno ha i proprio punti di vista … questo e’ il mio.

Comments are closed.