Un primo approccio a Google AdWords

Non è ancora nulla di confermato, piuttosto una notizia di corridoio, ma leggevo questa mattina su Search Engine Roundtable (il quale apprende da un altro forum di settore), ma pare che Google AdWords sia in procinto di cambiare le "regole del gioco".

In sostanza il più famoso canale di collegamenti sponsorizzati (PPC), il Google AdWords, fino ad oggi permetteva in un unico gruppo la possibilità di gestire molteplici destinazioni URL. Una scelta quest'ultima che può avere senso oppure no. Dipende da chi gestisce la campagna, ma soprattutto dalle esigenze del cliente.

Indipendentemente da quanto questa notizia possa essere vera, vorrei oggi soffermarmi sull'aspetto più esterno di Google AdWords e di come si possa gestire correttamente o meno un proprio profilo.
Per certi aspetti, se i vostri clienti non hanno grosse pretese di visibilità, perchè per la stragrande maggioranza delle volte non hanno nemmeno un budget chiaro su quanto vogliono spendere o quel che è peggio non sanno nemmeno di cosa si sta parlando, allora una gestione "maccheronica" unificando diverse campagne sotto un unico account può avere anche un senso logico visto dal lato fornitore.

Gestire un account singolo con diverse campagne facenti capo a diversi clienti può però essere piuttosto limitativo. In uno scenario come quello sopra descritto, a meno di non creare molteplici campagne per lo stesso cliente, ci si ritroverà con lo scoglio più immediato di non poter sfruttare al massimo il profilo in modo eterogeneo per un singolo cliente, quindi non si potranno sfruttare – ad esempio – tutte le caratteristiche che AdWords mette a disposizione, come ad esempio accoppiamenti geo-targeting / campagne / annunci piuttosto che sperimentare campagne ad hoc alcune con annunci visuali e altre con banner tradizionali.

La scelta più logica sarebbe quindi quella di ricorrere al così detto account ombrello (MCC) registrandosi al programma Advertising Professionals, che permette di gestire sotto un account generale diversi profili utenti, uno per ogni singolo cliente a questo punto.

L'iscrizione è ancora gratuita, nel senso del programma in generale, mentre è da poco tempo che Google ha introdotto una tassa d'iscrizione per ogni singolo account AdWords che si apre dal costo di cinque euro.
A loro dire, il canone di iscrizione che si versa una tantum, serve per limitare la creazione di profili che poi vengono abbandonati e cmq per scoraggiare persone con intenzioni poco serie. Una risposta che quando mi è stata data poco mi ha convinto, ma prendiamola per buona.

Gestire un account ombrello è di poco differente dal gestire un singolo account. Il vantaggio più immediato che si ha è che un account è a questo punto dedicato esclusivamente ad un singolo cliente, al quale lo stesso cliente potrà eventualmente accedere per monitorare la sua situazione, e al quale voi accederete dal vostro profilo principale che a questo punto avrà semplicemente un ulteriore nodo.
Lo svantaggio più lampante, di contro, è che se siete voi a gestire il budget del cliente, e quindi siete voi i destinatari della fattura, vi ritroverete a dover entrare in tanti profili quanti sono i vostri clienti per procedere alla stampa del documento. Un limite questo che, credetemi, fa perdere del tempo e che spero venga sistemato quanto prima.

Technorati tags: , ,