Burn 2.0.1 – Masterizzare su Mac

Masterizzare su Mac sembra che sia una delle cose più semplici che si possa fare, non fosse altro per il supporto nativo che il sistema operativo stesso mette a disposizione.200903021505.jpg

Certo, al pari di Windows XP, Vista e anche Windows 7. E come per i sistemi operativi Microsoft, anche la funzione nativa del Mac non è che proprio mi entusiasmi moltissimo.

Già inpassato avevo parlato di masterizzazione cercando delle alternative, e avevo trovato delle alternative, tra cui Burn. Da qualche giorno è uscita la nuova versione del programma, i cui cambiamenti si apprezzano immediatamente grazie alla nuova interfaccia utente.

Ricordo che Burn è un software open source, quindi gratuito e non come il potenziali rivali della Roxio, Toast, giunto anche lui da pochi giorni alla versione 10. Anzi la scelta dell'autore di rilasciare la nuova versione quasi in concomitanza mi sà tanto di una ottima strategia di marketing.

Ma tornando a Burn 2.0.1. Oltre ad avere una interfaccia rinnovata, ho avuto modo di apprezzare la possibilità di creare DVD Audio e DVD Video (col supporto per i capitoli) e, anche se è ancora considerata una funzione sperimentale, il supporto per l’overburning. Il programma è ora quindi diventato molto più completo e versatile che in passato. Sembrerebbe anche un peletto più stabile e con minori problemi durante la fase di riconoscimento del disco, problema che spesso porta a dare come risultato una mancata masterizzazione (il supporto non viene bruciato) imputando la causa al disallineamento del laser. Problema quest'ultimo di cui avevo accennato tempo addietro e che era possibile risolvere (non sempre) con un piccolo stratagemma descritto nel post precedente.

È possibile scaricare gratuitamente Burn 2.01 dal sito ufficiale. Il peso complessivo del pacchetto è di 15 Mb.

Technorati tags: ,