Sincronizzazione di due computer (Apple)

Nel mio recente viaggio a Londra, dove sono stato circa un mese fuori, ho avuto la necessità di tornare a lavorare su di un portatile, comprato per l’occasione, e sempre targato Apple.

La prima esigenza è stata quella di avere con me tutta la posta, ma ovviamente anche tutto il calendario e le varie altre impostazioni del mio Mac Pro. Ho provato a scandagliare la rete alla ricerca di un software di sincronizzazione, e tra le varie offerte è saltato fuori un programma davvero niente male: iBackup.

Grazie a questo software donationware ho potuto esportare in un file di supporto tutto il contenuto del mio Mac pro, per poterlo successivamente ripristinare nel mio nuovo Mac Book Pro. L’operazione, che è durata qualche minuto per via del mio piccolo archivio di posta (da solo 1 GB), si è felicemente conclusa per ben due volte senza un minimo intoppo, tanto è che mi sento di consigliare caldamente l’uso di questo tool.
IBackup è in grado di fare il backup anche delle impostazioni utente, quindi pensate, nel caso di Mail.App mi sono ritrovato un clone preciso del mio Mac Pro in un baleno, senza dover minimamente digitare o configurare alcun account.

Ovviamente IBackup si ferma a delle applicazioni, che sebbene siano molte, sono comunque limitate a dei programmi comuni. Per esempio non tiene in considerazione la possibilità di fare il backup e il restore di cartelle personali contenenti dei dati. Ma anche ammettendo che lo facesse, la mia esigenza era un peletto più complessa, perchè non tutti i file di una cartella A, copiata in origine, erano stati modificati nel corso della mia permanenza all’estero. Avevo bisogno di un tool di comparazione e sincronizzazione.

Il più semplice (a livello di GUI) e il più efficace che ho trovato è stato File Synchronization scritto da un programmatore francese. La sua efficacia è stata testata in diverse prove, e peraltro ho usato lo stesso sistema per sincronizzare anche l’archivio di Mail.app, senza per questo dover spostare di nuovo tutto l’archivio. In tal senso è bene ricordare a tutti coloro volessero provare una sincronizzazione in questo modo, che se non vengono aggiornati anche i file con gli indici delle mail per ogni singola mailbox, potreste non vedere tutti i messaggi. Per ovviare, basta andare sul menù Mailbox e scegliere rebuild.Laurent Daudelin File Sync

Potrebbe darsi, non è detto, che al termine dell’operazione di sincronizzazione, qualche messaggio risulti duplicato. Questo può accadere solo con i messaggi che erano già presente in origine. In tal caso, per non stare a spulciarseli a mano, si può utilizzare il Remove Duplicates, messo a disposizione da una serie di script che fanno un sacco di cosine utili. Questi script sono opera di Andreas Armann e sono stati scritti in Auomator.

Technorati tags: , , ,