A scuola di spionaggio: capire se una immagine è contraffatta

E' curioso come certe volte i film riescano a trasmettere idiozie che vanno ben oltre l'inverosimile. L'ultima serie di cazzate a manetta l'ho sentita una sera in una puntata di RIS, che certo non si riferisce a questo post per il periodo storico, visto che la mia memoria mi riporta indietro a quasi un anno fa.
Tuttavia oggi mia moglie se ne esce con una domanda curiosa: ma come faccio a sapere se una immagine contraffatta oppure no? Si vedono cos tanti film in giro

La placco al volo, ed per questo che ho esordito con questa premessa, anche perch di cazzate (e passatemi il termine) nei film se ne sentono a iosa. L'ultima mentre guardavo una serie americana in TV (non ricordo quale) in cui un hacker si introduce dentro un sistema e dall'altra parte la tizia dice "corro a creare una interfaccia in vb cos vedo se riesco a tracciare il suo IP". Fa solo rima e basta, magari lo sceneggiatore volevo proprio quello (io vorrei licenziarlo, invece).

Ma veniamo al dunque; per quanto ogni cosa abbia la sua complessit, scoprire se una immagine contraffatta o meno, o quantomeno stata ritoccata come si dice in gergo, veramente una cosa da poco. Basta andare a cercare nel posto giusto, e non si tratta certo di prendere lente d'ingrandimento o sperare nella buona vista che natura c'ha dato con i suoi 10/10 (per chi ce li ha ancora tutti, nel mio caso non pi cos da un bel pezzo).

Il segreto tutto qui.

Quelle che si devono cercare sono le informazion EXIF di un file. Ogni macchinetta digitale, infatti, nel momento del salvataggio dello scatto imprime nel file tutta una serie di informazioni che dicono che macchina si usati, che obiettivo, che apertura, se c'era il flash e via dicendo.foto-modificata.jpg

Non serve nulla di cos scientifico quindi che un programma in grado di estrapolare queste informazioni e mostrarle. Non servono nemmeno tutte le informazioni. Basta un semplice accenno alla parola EXIF per essere certi che la foto sia originale. Il fatto che non vi sia, gi vi lascia capire che la foto stata ritoccata con Photoshop o chiss quale altro software per l'image editing.

Sicuramente 3/4 delle foto che sono sul web sono ritoccate, non fosse altro per il gran peso che ogni immagine al naturale porta con se. Improponibile quindi pubblicare una foto di 4 o pi megabyte, magari ridimensionandola virtualmente solo perch non si capaci a fare del sano fotoritocco (seppur circoscritto ad un semplice resizing).
Questo vale sicuramente per le thumbnail, ma non certo per le foto pi grandi, le quali potrebbe essere pi che giustificata una pubblicazione del file cos come la nostra fotocamera ha scattato. Ad ogni uso, la sua foto.

E su Mac come faccio?

foto-exit-metadati.jpgNel post precendente parlavo di una soluzione Windows. Per i Macintoshiani, tutto estremamente pi semplice. Esiste un tool di sistema chiamato preview, che come dice il nome stesso mostra l'anteprima di tutto, dai file pdf alle foto.

E proprio per le foto, se mentre ne stiamo guardando una premiamo la fatidica combinazione Mela + I, eccolo che ci spunter fuori un bel riquadro aggiuntivo nella cui schermata di dettaglio ci sar – sempre che il file sia quello originale della fotocamera – anche una serie di metadati EXIF. Il fatto che non ci siano, beh vien da s che il file stato ritoccato.

Che dire, Mac … I Love You.

Technorati tags: , ,