Dormire a Londra: Kensington Hotel Suite

Altro giro di boa a Londra, altro hotel. Mi piace cambiare lo so, pi¨ che altro per trovare l’hotel giusto, ma anche perchÚ non sempre quelli dove le volte precedenti sono stato sono disponibili.

Si rileva cosý necessario una nuova ricerca che trovi il giusto equilibrio tra spesa e prestazioni. Questa volta sono stato ospite al Kengsinton Hotel Suite, a due passi (5 minuti di cammino a passo veloce) da Shepberd’s Bush, zona 2.

A discapito del nome, l’hotel non ha delle Suite, ma capiamoci bene, non mi Ŕ mai interessato trovarne una, proprio come dicevo sopra.

Al mio ingresso in Hotel, sono stato piacevolmente sorpreso di non trovare la classica hall stile bettola, e giÓ questo Ŕ qualcosa di positivo rispetto alla norma.
Sono arrivato prima del previsto, alle 11, mentre la stanza non sarebbe stata pronta prima delle 13:00, ma il manager gentilmente mi ha detto che potevo lasciare la valigia nella sala ristorante e tornare dopo.

Ovviamente la valigia l’ho lasciata, ma dato il tempo non proprio promettente, ho preferito rimanere nella hall ad attendere la stanza. Di li a pochi minuti ha iniziato a piovere, poco male; io ho potuto sperimentare la connessione wi-fi che l’hotel offre gratuitamente ai suoi ospiti. Ogni tanto cade la linea per qualche secondo, ma tutto sommato funziona, anche fin troppo bene rispetto a tanti altri posti dove sono stato.

Nello scendere nel basement, dove la sala ristorante Ŕ ubicata, ho visto che vi era una stanza abbastanza ampia con addirittura dei tavoli al di fuori in un piccolo giardino privato. I tavoli sono un p˛ stretti, quindi spazi angusti, ma ancora una volta ho notato eleganza e pulizia, che credetemi non sono tra i principali fattori degli hotel inglesi.

La stanza finalmente mi Ŕ stata consegnata, anche questa nel basement, ma separata dall’ascensore e dall’ingresso ristorante con una porta per evitare ulteriori rumori. Gli spazi sono piuttosto ristretti, Ŕ una classica camera singola, ma un letto king-size molto comodo con bagno incluso. Televisore LCD 22 pollici, aria condizionata (giÓ tarata senza possibilitÓ di cambiare nulla) frigo bar e microonde. Le finestre sono nuove, per lo meno le doppie finestre interne, che vi salvano dal freddo e dai rumori esterni della Holland Park road sul quale l’hotel si trova.

Unico appunto. Il bagno Ŕ cosý talmente piccolo che la doccia praticamente Ŕ tutt’uno con la tazza e il lavandino. Insomma, ci vuole per questo un p˛ di spirito di adattamento.
Se siete poi particolarmente affamati la mattina, non aspettatevi nulla di eccezionale dalla misera continentale messa a disposizione. Tuttavia, visto che mi accontento di poco – almeno a colazione – non ho patito grandi mancanze.

A mio giudizio per il prezzo pagato questa volta, trovato ad una offerta piuttosto eccezionale su RatesToGo (forse sarÓ per questo che mi hanno dato la stanza nel basement) a soli 45 ú a notte colazione inclusa, devo dire che ho preso un vero affare, di conseguenza mi sento di consigliarlo caldamente.

UPDATE del 11/02/2010: Se ti interessa un’altra zona di Londra, Paddington, sulla District o Circle Line, dovresti leggere la mia recensione sul Royal Court Aparment.

Technorati tags: ,

Viaggiare nello spazio … un sogno irragiungibile?

Viaggiare nello spazio ├Ę per molti qualcosa di utopistico nel vero senso della parola. Se non si ├Ę piloti di professione, e se non si lavora per la NASA o per l’EISA, con tanto di lauee e fisico pressoch├Ę perfetto, lo spazio – inteso come il vedere la terra cos├Č come la vede un satellite che immortala foto – ├Ę praticamente impossibile.

Ci si pu├▓ accontentare di qualche film, per i pi├╣ videoludici ci sono delle simulazioni 3D e 4D, ma nulla potr├á mai sostituire l’esperienza dal vivo.

Tuttavia, qualcosa ├Ę cambiato. Gi├á lo scorso anno si parl├▓ di apposite agenzie di viaggi che, in sinergia con grandi multinazionali (Virgin Galactic) dall’ampio portafoglio, stavano organizzando di crociere “fuori dalla terra”. Un’esperienza unica, in tutti i sensi, perch├Ę se ├Ę vero che si potr├á vedere la Terra a 100km fuori dall’atmosfera (Karman Line), ├Ę anche vero che una crociera del genere ├Ę per tutti.

Potrai anche essere il tipo pi├╣ atletico di questo pianeta, ma se il tuo portafoglio non ├Ę abbastanza elastico da contenere anche 200 mila dollari, questa esperienza non fa per te.

Allora cosa fare? Nulla, ci si pu├▓ solo accontentare guardando magari questo video della partenza di uno shuttle

o magari qualche foto dal satellite in tempo reale, che mostrano da una angolazione fissa il nostro bel pianeta con un refresh di due ore circa.

Le foto sono molto suggestive, specialmente quando si vedono gli States illuminati di notte.

Technorati tags: ,

A Pasqua non faro’ nulla, ma ho deciso dove vado in vacanza

Per Pasqua avevo pensato di andare qualche giorno a Parigi Montmartre, ma alla fine non ho fatto nulla. Sai perchŔ? PerchŔ finalmente, dopo tanti patimenti, sono riuscito ad avere il mio biglietto (semi) omaggio per New York.

Cosý ho deciso, dopo soli 12 anni di rifare un salto nella grande mela, e da li muovermi per con l’aereo vero la California, dove nolegger˛ una macchina e mi conceder˛ un bel giro nelle assolate (spero) spiaggie di Baywatch, un salto sul pontile di Santa Monica, uno sguardo alle ripide colline di San Francisco fino al Golden Gate, per poi traghettare verso Alcatraz.

Non mi far˛ nemmeno mancare una capatina allo Yosemite Park, una tra le pi¨ grandi riserve naturali della California, o un’attraversamento fugace di Beverly Hills per poi andare al casin˛ di Las Vegas e il Grand Canyon.

Insomma. Sto cercando di organizzare il tutto per il meglio. Del resto, in America non ci si vÓ tutti i giorni.

Technorati tags: , ,

Soggiorno vicino Stansted: l’alternativa

Scarso un mese fa sono venuto in Inghilterra per completare un corso di aggiornamento sul digital marketing, e al mio rientro ho dormito in b&b che ho recensito in questa pagina, in cui parlo anche di un simpatico pub dove consumare una cena da leccarsi i baffi.camera latchmead

Questa volta, ahim├Ę, quando ho telefonato il b&b in questione era tutto pieno. Ma come si dice, non tutti i mali vengono per nuocere.

Infatti girovagando un p├▓ per la rete, dopo alcune e-mail, mi sono imbattuto in questo altro B&B che trovo superbo e che decisamente soppianta il precedente.bagno latchmead

Con 50┬ú ho ricevuto un pick-up alla stazione del treno di Bishops Stortford, una camera doppia dove dormire, e un return all’aereoporto la mattina dopo.

Il B&B, il Latchmead, si trova non poco distante da quello precedente, e quindi dal pub “The George” dove sono stato a mangiare la scorsa volta … e indovinate un p├▓ … dove rivado a mangiare anche questa sera.

Perch├Ę verr├▓ sempre qui (ammesso di trovare sempre posto)? Primo per la cortesia della signora, si ├Ę dimostrata disponibile a venirmi a prendere anche fuori dall’orario convenuto che mi ha detto: “quando sei alla stazione, telefonami che vengo”.doccia-latchmead.jpg

Secondo. La stanza. Decisamente pi├╣ spaziosa della volta precedente, basta che guardate le foto. Certo non dimostrano la profondit├á, ma fidatevi. Il bagno poi, oltre che spazioso era accessoriato con tutto, anche saponi e bagnoschiuma che nell’altro B&B non avevo trovato. Riscaldamento autonomo anche qua, ma con termosifoni tradizionali (che scaldavano che ├Ę una bellezza e sono silenziosi).

colazione-latchmead.jpg

In camera poi c’├Ę un televisore con tanto di digitale terrestre. Dall’altra parte solo televisore con scarsi 5 canali.

In ultimo la colazione, che l’altra volta era stato veramente il punto dolente e che non avevo digerito il fatto che non vi fosse un bollitore per il latte.
Qui la signora Paula, si ├Ę invece sincerata di chiedermi cosa volessi, proponendomi addirittura la loro British breakfast con eggs, bacon and toasts. Ne vogliamo parlare?

Prenotato a vita per tutte le prossime volte che dovr├▓ tornare in UK, e qualcosa mi dice che ci torno molto presto.

Uniche due piccole pecche, non c’era il wi-fi in camera e la strada di ingresso del B&B che ho percorso a piedi di notte per andare a mangiare al The George non era adeguatamente illuminata, ma questo non dipende certo dal B&B, che dal canto loro – anzi – hanno messo degli abbondanti fari con sensore di passaggio.